Chiese dismesse: l’esperienza di due paesi europei

Parlavamo poco tempo fa di come i nostri paesaggi urbani si stiano modificando in seguito al crescere di nuove comunità religiose che reclamano (giustamente) i proprio spazi di culto. Ma i paesaggi urbani si modificano anche con la chiusura di luoghi di culto che specialmente nei centri storici (ma non solo) sono entrati da centinaia di anni a farne parte integrante: le chiese cristiane, siano esse cattoliche o appartenenti ad altre confessioni.

Sono usciti proprio in questi giorni un paio di articoli al riguardo che descrivono la situazione in due Paesi europei. Nel primo si parla della Svizzera. In questo caso il titolo descrive abbastanza bene il contenuto dell’articolo: Chiese in vendita tra il sacro e il profano. Il secondo caso è quello dell’Inghilterra. Dove sembrano avere decisamente le idee più chiare e la destinazione delle chiese dimesse pare procedere a senso unico. Chissà cosa ne pensano i (o ex) parrocchiani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: