Guccini e il sacro in un interessante volume

Tempo fa un volume cercò di trovare “tracce di sacro” nei testi di Fabrizio De Andrè. L’operazione poteva magari sembrare semplice, visto che si trattava dell’autore de La Buona novella. Più difficile, almeno apparentemente, trovare le stesse tracce nel cantore delle gesta dell’anarchico dirottatore di treni de La locomotiva, insomma in Francesco Guccini. Giancarlo Padula, come informa Korazim ci ha provato e, a quanto pare, ci è riuscito benissimo. Il suo volume “Dio non è morto – L’altro volto di Francesco Guccini”, è infatti un tentativo di andare oltre le apparenze di un Guccini lontano dal sentire religioso, quando non addirittura ateo. Interessante, al riguardo, è anche l’intervista rilasciata dal cantautore al mensile Jesus.

Annunci

2 Risposte

  1. Ho letto il libro di Padula, e devo dire che riesce a rendere un pessimo servizio a Guccini, alla canzone d’autore, al lettore, alla lingua italiana e pure alla Chiesa cattolica, che non ha bisogno di scrittori confusi e velleitari che sembrano più adatti alla (brutta) propaganda che non alla riflessione su temi importanti come la religiosità e la fede. Quasi penoso il tentativo di “convertire” su un piano di fede le frasi delle canzoni di Guccini.
    Ho speso 10 euro, e l’unica cosa utile è che ho imparato come NON si scrive un saggio su Guccini. Sconsigliatissimo!

  2. Davvero? Non lo avrei immaginato. Grazie della dritta: 10€ risparmiati:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: