“God Save The People”: i luoghi di culto in mostra a Lucca

Originale fin dal titolo questa mostra dell’artista toscano Vittorio Corsini, appena inaugurata a Lucca e visitabile fino a fine luglio: God Save The People. E originale dev’essere anche il percorso artistico del Corsini medesimo: partito dalla rappresentazione del tema dell’abitare, è infatti passato per la rappresentazione dei luoghi di cura per poi approdare all’oggetto della mostra in questione: i luoghi di culto delle varie confessioni religiose. Nell’articolo linkato sopra mi ha colpito soprattutto questa affermazione: <<In “GOD Save THE PEOPLE” una scultura posta nell’abside di San Matteo è fatta dalle piante tridimensionali di una chiesa cattolica, di una sinagoga ebraica, di un tempio indù, di una moschea musulmana e di uno stupa buddista stipate una sopra l’altra. E’ difficile distinguere le basi tra di loro e assegnarle a opposte religioni. Sembra che solo ciò che è definito al di sopra possa generare diverse appartenenze. “Raso terra” le religioni si confondono>>. Magari il tutto teologicamente zoppica, ma non si può chiedere agli artisti di essere “teologicamente corretti”, e comunque l’intuizione di fondo è buona.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: