Neologismi spirituali

Mi sono sempre piaciuti i neologismi. È bello quando qualcuno avverte che la propria esperienza spirituale ha raggiunto una tale tensione che il vocabolario risulta insufficiente e allora bisogna violentarlo per creare nuovi termini che diamo forma alle idee. Raimon Panikkar, per esempio, ha inventato il termine “cristiania”, per significare il terzo momento, quello esperienziale, della scoperta dell’identità cristiana. L’ultimo neologismo nel quale mi sono imbattuto è contenuto in uno smilzo libretto il cui valore è inversamente proporzionale al suo spessore. Si intitola “La compassione buddhista. Il perdono cristiano” ed è stato scritto a quattro mani dal vaticanista del Corriere della Sera Luigi Accattoli e dal monaco buddhista Jiso Forzani, cofondatore, insieme al prete cattolico Luciano Mazzocchi, de La Stella del mattino, un’originale esperienza di dialogo cristiano – buddhista. Mazzocchi, riferendosi alla propria esperienza di monaco buddhista, ma la cosa è estensibile anche all’ambito cristiano, ha coniato il termine “solità”, da lui intesa come “una solitudine solare, vissuta in positivo”. Ha ragione. “Solitudine” ha purtroppo assunto troppo spesso un’accezione quasi esclusivamente negativa. “Solità” è un bellissimo neologismo. Ricorda il sole e la luce. Magari non entrerà nei moderni dizionari, ma rende benissimo l’idea.

Annunci

5 Risposte

  1. Si, mi sembra molto carino il termine “solità” (mentre non ho ben capito “cristiania”. Tra l’altro comprende anche le altre fedi – evangeliche, ortodosse, monofisite, ecc. – o solo il cattolicesimo??

  2. E’ difficile da spiegare in poche battute. Si potrebbe dire che è l’identità religiosa che uno scopre in maniera esperienziale, vivendo. Lui la contrappone a “cristianità”, vista come un qualcosa di chiuso, da difendere a tutti i costi (e soprattutto “contro” qualcuno). Cristiania è invece un concetto aperto dove ognuno trova se stesso senza contrapporsi agli altri.

  3. dì la verità donMo, a te Pannikar piace anche se si mette a dipingere coperchi di pentole, mi sa..
    😉

  4. Boh, come hai fatto a capirlo??? Ti voglio bene perchè una tipa intuitiva:)

  5. […] Qui va a finire che dovrò creare un’altra categoria denominata “neologismi”. Dopo quello segnalato giorni fa, infatti, mi sono imbattuto in un altro anche questo molto intrigante. È contenuto in un denso […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: