Dialogo tra le religioni: dal Qatar un invito a non abusare dei loro simboli

La settimana scorsa si è tenuta a Doha, in Qatar, la sesta Conferenza sul dialogo tra le religioni. Conviene farvi un cenno perché il sito del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso riporta l’importante discorso fatto in quell’occasione dal Presidente del medesimo, il card. Jean Luis Tauran. “Il dialogo –afferma tra l’altro il cardinale- è un servizio necessario all’umanità: non è più una scelta. Se ben fatto, con amore e verità, esso è sinonimo di comprensione reciproca, rispetto, pace e armonia fra le varie componenti di una società, siano esse etniche, religiose, culturali o politiche”. Significative anche le parole del comunicato finale della conferenza (cui hanno partecipato 155 studiosi ed esponenti delle tre religioni monoteiste): “Come musulmani, ebrei e cristiani abbiamo affrontato temi che non attengono solo agli ideali e valori dei rispettivi credi, ma anche questioni drammatiche che sfigurano il mondo odierno e creano sofferenza e ingiustizia (…) Alla luce dei nostri dibattiti abbiamo convenuto che il dialogo tra le religioni è necessario sempre e a tutti i livelli per generare una cooperazione e strategie comuni contro le ostilità derivanti dall’abuso e la mancanza di rispetto nei confronti dei simboli religiosi”. In effetti, proprio la questione della manipolazione dei simboli religiosi (da chiunque essa venga compiuta) è uno dei banchi di prova della libertà religiosa. In oriente come in occidente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: