Vita extraterrestre e religione: i risultati di un importante studio americano

Che impatto avrebbe nella vostra vita di fede la scoperta di forme di vita extraterrestre? Argomento che continua ad intrigare (infatti ne abbiamo già parlato) e che ora è stato oggetto, come informa il sito Scienza e religione nei media, di un serissimo studio da parte del CTNS dell’università statunitense di Berkeley. Il campione del medesimo era particolarmente rappresentativo in quanto costituito da 1325 credenti di tutto il mondo professanti le più varie religioni: cattolici, protestanti, ortodossi, mormoni, ebrei, musulmani e buddisti. I risultati del sondaggio sono particolarmente incoraggianti: <<L’80% degli intervistati ha risposto che una simile ipotesi non metterebbe in discussione la propria fede, contraddicendo l’idea di una generale “debolezza” nel sentimento religioso delle persone, e il parere espresso invece proprio dalla maggioranza dei non credenti intervistati. Questi ultimi, infatti, pensano che l’esistenza di altre forme di vita intelligente metterebbe in crisi le religioni attuali>>. Per chi volesse dilettarsi con lo studio completo, l’indirizzo corretto è questo qua, quello indicato nel link sopra è sbagliato.

Annunci

14 Risposte

  1. Se fossi un extraterrestre andrei anch’io al CTNS di Berkeley e chiederei ai 1325 credenti (in particolare ai cristiani) di questa terra se pensano che Dio si sia incarnato solo qui o se possono accettare che contemporaneamente si sia manifestato materialmente anche in altri mondi. E se questo non essere più al centro dell’universo, neanche da un punto di vista religioso, fa loro qualche problema…

  2. In effetti quella dell’incarnazione è proprio una bella domanda. In ogni caso non sentirsi al centro dell’universo fa sempre bene (extraterrestri o no).

  3. Ma perché dovrebbe essersi incarnato da qualche altra parte? L’incarnazione e la redenzione investe l’intero universo. Poi Dio può fare quello che gli pare, non pongo io certamente i limiti…
    Ma anche ragionando. Dio si è fatto uomo in Palestina 2000 anni fa. A quel tempo la Terra del Fuoco, per dire un posto distante, era molto più lontano, più “extra” di marte oggi, e di qualche altro sistema solare. La lontananza e la momentanea non comunicazione non costituisce un problema. E Virgilio e gli uomini nati prima? il tempo antecedente non era ancora più distante e senza comunicazione? e quelli che non hanno mai sentito parlare di Cristo?

    Piuttosto quando saremo di fronte a ET sarà subito da predisporre un apposito ufficio in curia per l’evangelizzazione degli extraterrestri (qui ci va la faccina con l’occhiolino).

  4. Scusa ma tra la terra del fuoco e miriadi di pianeti abitati che stanno a milioni di anni luce da noi (non marte…) c’è una bella differenza. Tu crederesti ad un extraterrestre che venisse a dirti “guarda che si è incarnato da noi, in un altra galassia, non da voi”? Io no. E anche lui farebbe lo stesso con me.

  5. Io dico solo che se con un extraterrestre ci comunico questo mi è diventato vicino, i milioni di anni luce non fanno più problema come a un certo punto della storia non fece più problema l’oceano. se poi dicono che si è incarnato da loro, si sta a sentire per vedere comunanze e differenze e poi ognuno giudicherà. ma anche questo è una cosa già vista perché di Messia ne hanno sfornato ogni angolo della terra.
    Quello che voglio dire è che l’extraterrestre non pone un salto al problema, ma solo un’estensione del problema rimanendo dentro lo stesso sistema di presupposti. Cristo oggi, ieri, sempre. L’eterno. Figurati se fa problema qualche milionata d’anni luce.
    Il problema sarebbe solo logistico.

  6. Scusa Ic ma non sono proprio daccordo con te. Tu dici che la distanza è una estensione del problema che nella sostanza non cambia. Invece cambia. Perchè un ET non è fatto come me e te. Ha un altro corpo, un altro modo di comunicare, di conoscere, di amare. Magari non ha braccia nè gambe e vola. Faccio ipotesi fantastiche solo per dire che la distanza e le condizioni ambientali cambiano parecchie cose. Se i gatti avessero coscienza e intelligenza potrebbero accettare che Dio si è fatto uomo? E tu accetteresti un loro annuncio di un Dio gatto? Io no.
    Dire che di Messia ne sforna ogni angolo della terra è un modo un pò semplicistico per ridicolizzare il diverso senza mettersi nei suoi panni. Tipico del cattolico occidentale conquistadores…

  7. Una cosa mi pare certa: la redenzione ed il suo valore non si fanno certo fermare dalle distanze, ma le medesime cambiano (e di molto) la nostra comprensione del fatto.

  8. Anch’io penso che un evento del genere comporterebbe un percorso di comprensione, nel senso che ci sarebbe una nuova direzione secondo cui approfondire tutto il percorso di accompagnamento di Dio con l’uomo.

    Problematica mi pare la posizione di Mauro che spinge sull’alterità: ET potrà pure volare, ma quanto diversamente potrà comunicare. conoscere, amare… alla fine qualcosa dovremo pur avere in comune per porci il problema comune della venuta di Dio e della redenzione. Ed è su questo che abbiamo in comune che si può fare un confronto per andare andare a comprendere le differenze specifiche dei 2 tipi di annuncio che ipoteticamente potremmo avere. O è ragionevole prender per buoni tutti i messia? O dobbiamo trattenere il buono da ogni messia?

  9. Adesso mi cominci a piacere. Io non nego affatto la straordinarietà dell’evento Gesù Cristo, non lo voglio abbassare al rango degli altri messia. Certo che la redenzione supera ogni distanza. Ma di certo l’incarnazione che è avvenuta qua vale per noi, non possiamo pretendere che valga per eventuali altre creature intelligenti e coscienti ma non umane. Concordo quando dici che i due annunci al loro incontro si confronteranno per andare a comprendere le differenze e, aggiungo io, le similitudini. Mi piaceva meno il tuo commento precedente dove non si percepiva alcuna intenzione di confronto con altre rivelazioni, di cui dicevi è piena la storia. Il fatto è che la presunzione di aver tutta la verità in tasca ci offusca a mio parere la mente di fronte alla vastità di possibilità che Dio ha di manifestarsi. Invece se anche si è manifestato nel nostro mondo e nella nostra storia, ciò non significa che non lo faccia anche altrove, chissà in che modo. Non credo che siano inutili speculazioni filosofiche. Credo che un po’ di umiltà di fronte alla Verità non farebbe male alla Chiesa di oggi, così – permettetemi – ecclesiocentrica.
    Scusate se con il mio linguaggio posso aver offeso o stancato qualcuno. Non era mia intenzione.

  10. Però c’è un punto che non mi pare affatto secondario e che secondo me andrebbe approfondito. L’incarnazione vale solo per noi umani e questo ci può pure stare. Del resto, eventuali altre forme di vita intelligente potrebbero benissimo non essere fatte di carne ma di materia gelatinosa (ovviamente semplifico per far prima).
    Ma la redenzione? Voglio dire: se la redenzione è legata (e lo è) all’incarnazione, l’ET di turno non è redento? E allora si potrebbe ipotizzare un’altra incarnazione (o come vogliamo chiamarla) per altre forme di vita?

  11. I Padri parlavano di logoi spermatikoi che informano molte realtà. E lo Spirito soffia dove gli apre. E, perché no, potrebbero esserci anche dei “naturaliter christiani” tra gli ET.

    Del resto Dio parla innanzitutto attraverso la creazione, e ET è creatura. Per quanto diverso, sarà materia e forma.
    Dio si è fatto uomo. Nato da donna, è entrato nella materia creata. E ha redento tutta la materia, tutto il creato. E’ già una comunione non da poco con un qualche ET.

    Ma la comunione di Dio con l’uomo è l’essere diventato uomo. Ma qual’è la differenza specifica dell’uomo nella creazione? l’essere fatto a immagine e somiglianza di Dio.
    E questa somiglianza con Dio in cosa consiste se non nella capacità creativa ? i gatti, ad esempio, sono bravissimi e intelligentissimi, ma non hanno capacità creativa. E a cosa è chiamata la sua creatura fatta come lui se non a partecipare dell’attività creativa di Dio? E cristo non ha partecipato sommamente alla ricreazione del creato?

    Quando i conquistadores trattavano come schiavi gli indios non negavano forse loro l’anima, una reale capacità creativa?

    Quindi più che se carne o gelatina, che sempre materia è, non dovremo forse constatare, quando e se sarà, se questi ET hanno una capacità creativa di cui devono rispondere partecipando responsabilmente alla creazione di Dio?
    E l’umanità di Cristo pone problema all’ET se questa non consiste tanto negli occhi azzurri o meno, ma nell’essere entrato nella creazione e aver condiviso quell’umanità che è essere immagine e somiglianza ovvero la chiamata a partecipare della creazione?
    E, quindi, c’è bisogno di un altro redentore per gli ET o non possono riconoscersi in Gesù Cristo?

  12. Io capisco la tua posizione e la rispetto. Però non mi convince. Questo non significa che abbia un “credo” migliore del tuo da proporti. La nostra ipotesi riguardo ad un eventuale incontro tra esseri di pianeti diversi è pura fantascienza perchè le distanze sono incolmabili anche alla velocità della luce, ed i relativi linguaggi probabilmente sarebbero altrettanto lontani. Ciò non toglie che è molto probabile che questi esseri ci siano in grande abbondanza, in molti pianeti e molte forme diverse. Ora Dio avrebbe scelto la terra su tutti i pianeti possibili, e questo è già perlomeno strano, ma poi come farebbe a farlo sapere agli altri? I tempi intergalattici sono di milioni, centinaia di milioni di anni, ammesso che un incontro prima o poi avvenga? Dio vuole una attesa così lunga? O non è più semplice pensare che per noi ha pensato a Cristo, e altre soluzioni che non sapremo mai avrà trovato per altri esseri intelligenti?

  13. Certo altri cammini di Dio con il suo popolo possono esserci stati, altri deserti, altre parole dette al cuore, altri silenzi sottili.
    Anche un’altra incarnazione? Non lo so. Come metodo, condivido il non mettere limiti a Dio che per il poco che sappiamo ha dimostrato di avere buona inventiva.

    Però, una cosa con certezza lo sappiamo: la distanza, in termini di km e di tempo, non è una obiezione all’unicità dell’incarnazione. Abbiamo antenati, basta andare indietro di una manciata di generazioni, che non hanno mai saputo nulla del Vangelo. Come pure certi compagni dell’asilo dei miei figli. Così vicini, così lontani. Non occorre andare nell distante galassi per trovarli!
    Eppure questa non è un’obiezione che ha fermato Dio dall’incarnarsi, in un tempo e in uno spazio molto limitati. Già qui ci sono galassie di esclusi! Ma mica possiamo pensare che Dio non abbia pensato a loro, ma non tramite altre incarnazioni…
    Nel senso che non vorrei introdurre l’ipotesi di altre incarnazioni, non tanto perché è richiesto dal “problema”, ma perché risulta, come dire, “culturalmente più corretto”.

    Per questo io non spingerei sull’alterità di un eventuale ET per postulare altre “economie intratrinitarie o quaternarie”. E proseguendo sul problema carne-incarnazione posto da Donmo, mi chiedo ma quale analogia non possiamo non avere con un eventuale ET? la creaturalità, il limite, la morte, la paura, la generazione, la creatività, il ringraziamento, la lode e poi cos ancora.

    Mi scuso, per lo spazio preso. Ma l’argomento è molto bello,e forse con Mauro non stiamo solo ragionando di ET…

  14. No, non si sta ragionando solo di ET. Del resto, il bello dei binocoli e dei cannocchiali è che si rovesciano si vede la realta avvicinarsi come non mai. Il fatto che non lo facciamo mai e che li usiamo invece solitamente allo stesso modo non toglie che ogni tanto la cosa risulti un esercizio salutare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: