Martini e Messori: in libreria due successi annunciati (con polemiche annesse)

Non ci vuole davvero una grande fantasia per indovinare quali saranno due tra i due libri più venduti nel settore dell’editoria religiosa nel nostro Paese nei prossimi mesi. Arrivano infatti sugli scaffali delle librerie, quasi negli stessi giorni, due volumi molto diversi tra loro ma ambedue opera di due autori molto amati dal pubblico. Vittorio Messori e Carlo Maria Martini. Nel primo caso si tratta di un libro intervista curato dal vaticanista Andrea Tornielli in cui Messori racconta per la prima volta particolari inediti della sua conversione.

Il volume del cardinal Martini, invece, “Colloqui notturni a Gerusalemme”, è già uscito nei mesi scorsi in Germania provocando un nugolo di polemiche anche in Italia. Polemiche che, c’è da scommettere si rinfocoleranno ora in occasione dell’edizione italiana. In ogni caso, si tratta di due letture molto interessanti che sarà interessante mettere a confronto tra di loro. Non in contrapposizione, ma a confronto sì.

Ed ora, se è possibile scendere dai massimi sistemi ad una cosa molto più pragmatica, una domandina è d’obbligo. Ma perché il libro del cardinal Martini (il medesimo) costa in Germania 8,95 € e in Italia 16, 50 €? C’è in giro qualche esperto di editoria che sa rispondere?

Advertisements

13 Risposte

  1. E’ vero, è scandaloso. Il prezzo dei libri in Italia viene visibilmente gonfiato da accisette accisine tassette e tassine. A volte, e quando ne ho la facoltà li compro in lingua originale. Costano molto meno anche comprati in Italia. Considerando anche cosa sta succedendo alla scuola mi sa che i nostri figli saranno persone molto ignoranti. Meno male che noi genitori possiamo ancora fare la differenza e dare il buon esempio, ma la controcultura dilaga. E’ veramente una lotta.

  2. La Herder ha fatto un tascabile, scritto stretto e fitto, carta tipo usomano: un prodotto da “battaglia”. Ha scelto di estendere quanto più il pubblico abbassando le barriere all’entrata con il prezzo basso.

    In Italia, invece, immagino che la Mondadori faccia conto su un pubblico che attende “i verbi” di Martini. Il Corriere farà il paginone con l’anticipazione… la polemica sarà assicurata… Anche perché chi fa marketing, con le interviste a Martini, ci va a nozze. Chi non è tentato a comprarlo anche a 16 euro? Mondadori può quindi permettersi di fare come lancio l’edizione più raffinata, carta più bella, magari con copertina rigida. Poi, tra un po’ per allargare il pubblico farà il tascabile con prezzo più basso.

    Almeno credo che facciano così. Ma di sicuro non metteranno nel titolo quel “Kardinal”!

  3. @Marta, hai proprio ragione, e poi la diffrenza di prezzo non si spiega neppure con la traduzione.
    @lc, certo che Martini ti sta proprio simpatico, eh ;- ) (qui la faccina con l’occhiolini ci stava proprio bene).

  4. Amo profondamente entrambi in quanto ognuno a suo modo ha portato un serio e profondo apporto alla diffusione del vero spirito del cristianesimo nel mondo.

  5. No… E’ che, avendoci a che fare, ho ripercorso il freddo ragionamento di chi fa marketing.
    Per quanto riguarda il Cardinal Martini, ho sempre molta attenzione e riconoscenza. I suoi scritti sono una miniera. Ad esempio, ho appena riletto la sua lettera pastorale “La Madonna del sabato santo”: difficile trovare qualcuno che sia capace di avvicinare Maria in modo così profondo (e non beghino). Mai nulla di scontato.
    Lo capisco meno, invece, questo sì, quando inizia a fare “sociologia”. Tipico è l’ambito delle interviste. Lì trovo che, a volte, reiteri automatismi interpretativi che si sono mostrati, nel tempo, inadeguati.

  6. Beh, gli automatismi interpretativi non sono certo addebitabili a lui, è che quando Martini parla o scrive c’è sempre qualcuno di corta intelligenza pronto a fargli le pulci. E questo non vale certo per te, una delle persone più intelligenti e sensibili che abbia mai incontrato sul web (niente faccina con l’occhiolino).

  7. Sul “fargli le pulci”, verissimo. Bisogna sempre guardarsi dal fuoco amico. Mi chiedo solo se, a volte, il fuoco amico, sia dato anche da quelli che, presentandosi come alleati, offrono le proprie copertine di giornale. E qui si aprirebbe un capitolo enorme quanto affascinante sul modo di comunicare, oggi, il vangelo…
    [Sul resto, troppa grazia!]

  8. Beh, d’accordo, del resto si sa: “Dagli amici mi guardi Dio…”, ecc. ecc.

  9. Posso parlare solo come credente in cerca continua ed estenuante: alle persone come me le parole di Martini suonano sempre come un balsamo – non abbassa le pretese della fede, nè nasconde la fatica di cammina, ma sa parlare con quell’umanità che mi sembra tanto assente oggi, anche nella Chiesa.
    Il fatto che questo raccolga consensi, prima che una polemica sul marketing editoriale italiano, dovrebbe far riflettere sulla sete di amore e di ascolto che c’è tra la gente e cui solo in pochi, pochissimi, sanno rispondere.
    Un libro di Martini lo pagherei anche il triplo: li vale tutti!

  10. Brava, anche a me quella “umanità” di cui parli ha sempre colpito moltissimo. Speriamo abbia seguaci, ora che la la sua voce si sta facendo purtroppo sempre più flebile.

  11. Confido nello Spirito… ci manderà qualcun altro! Vedrai…

  12. […] l’ultima fatica del cardinal Martini, quelle Conversazioni notturne a Gerusalemme di cui abbiamo già parlato e che stanno riscontrando un ottimo successo editoriale. È da poco in libreria anche il nuovo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: