Magdi Allam e la guerra contro l’islam in nome della religione


Con il suo ultimo scritto (diffuso, chissà quanto a caso, in prossimità della Giornata per il dialogo cristiano – islamico) Magdi Allam ha indossato definitivamente l’elmetto ed è partito lancia in resta nella sua personalissima guerra contro l’islam. Personalmente, appena letta la cosa, ho pensato ad una parodia del suo stile fatta dai suoi detrattori. Invece (salvo smentite dell’ultima ora) è tutto vero. Tragicamente vero. A parte la presunzione di voler dare consigli a Papa, vescovi e cardinali a distanza di pochi mesi dall’aver ricevuto il battesimo, quello che sconcerta è il negare all’islam la stessa natura di religione. Conviene quindi rileggere almeno il titolo del documento che il Concilio dedico all’argomento: “Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane – Nostra Aetate”. Documento uscito giusto 45 anni fa (era infatti il 28 ottobre 1963) ma che evidentemente abbisogna ancora di essere assimilato e che nei riguardi dell’islam si esprime così: “La Chiesa guarda anche con stima i musulmani che adorano l’unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti di Dio anche nascosti, come vi si è sottomesso anche Abramo, a cui la fede islamica volentieri si riferisce. Benché essi non riconoscano Gesù come Dio, lo venerano tuttavia come profeta; onorano la sua madre vergine, Maria, e talvolta pure la invocano con devozione. Inoltre attendono il giorno del giudizio, quando Dio retribuirà tutti gli uomini risuscitati. Così pure hanno in stima la vita morale e rendono culto a Dio, soprattutto con la preghiera, le elemosine e il digiuno. Se, nel corso dei secoli, non pochi dissensi e inimicizie sono sorte tra cristiani e musulmani, il sacro Concilio esorta tutti a dimenticare il passato e a esercitare sinceramente la mutua comprensione, nonché a difendere e promuovere insieme per tutti gli uomini la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà”. E se qualcuno potrebbe obiettare che oggi –contrariamente agli anni Sessanta- allignano nel mondo musulmano non pochi fanatici religiosi, si potrebbe rispondere che al fanatismo non si risponde mai con altri fanatismo.

Annunci

3 Risposte

  1. sono pienamente d’accordo alla lotta contro l’islam….loro non ci rispettano assolutamente e vogliono solo il nostro sangue….più volte me lo hanno detto e lo hanno detto ai miei figli….
    E’ tutta una farsa la loro bontà per poterci meglio prendere in giro.
    VI PREGO FERMATELI!!!!

  2. mentono…mentono su tutto…anche il loro profetino lo ammette contro gli infedeli…
    sono una pseudo-religione violenta…molto violenta…
    li ho conosciuti e liconosco….minacciano tutti quelli che non condividono le loro idee…provate a contrastarli…non hanno un minimo di razionaliltà sono delle pecore piene di false VERITA’…. e vogliono imporcele..
    sono spaventata per la salute di tutti….
    ORA BASTA

  3. Ma andate a fanculo, CROCIATI DI MERDA! Voi dell’Islam non sapete 1 cazzo! FOTTETEVI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: