Foligno: una tre-giorni per parlare di architettura sacra e della nuova chiesa di Fuksas

Indubbiamente, definirla uno degli edifici più brutti del mondo è un’esagerazione. Ma è altrettanto certo che la nuova chiesa progettata a Foligno dallo studio Fuksas e dedicata a San Paolo, qualche perplessità può ingenerarla.

Si tratta di un grande blocco geometrico – due parallelepipedi uno dentro l’altro, di cui uno sospeso – internamente disegnato in modo tale da esaltare la luce attraverso finestre che illuminano l’altare. un secondo elemento, anch’esso di forma parallelepipeda ma allungato e basso, ospita la sagrestia, i locali per il ministero e la casa canonica. Alle obiezioni, l’architetto Adele Savino, che ha collaborato al progetto, ribatte che ”questa architettura massiva vuole essere una risposta al disfacimento del terremoto”. La nuova chiesa sorge infatti nell’area dove era presente uno dei campi container installati dopo il sisma del 1997. Da non dimenticare la grande scultura Stele-Croce, di Enzo Cucchi, elemento in cemento e marmo bianco di Carrara di oltre tredici metri di altezza e le quattordici stazioni della Via Crucis create da Mimmo Paladino.

Comunque uno la pensi riguardo alla nuova costruzione, una possibilità per farsi un’idea è data dalla tre giorni che inizia oggi per concludersi domenica prossima nella cittadina umbra. Momenti clou saranno il convegno “L’architettura nel sacro”,  in programma per oggi e cui parteciperà lo stesso Massimiliano Fuksas, e la cerimonia di dedicazione del luogo di culto, in programma per domenica prossima.

Il futuro dirà se le critiche sono state eccessive (o magari troppo poche).

Advertisements

5 Risposte

  1. Mammamia! Ma è brutta davvero tanto!!!
    Sembra il deposito di Paperon De’ Paperoni!

    Va beh che il concetto di bello è soggettivo… però credo ci sia un limite a tutto….
    E non che non mi piaccia l’arte moderna… il Santuario di Maria Theotokos a Loppiano, ad esempio, è bellissimo…

    Flower

  2. Come promesso da me ci ho provato a dire qualcosa. Non tanto per dire che è brutta, ma per cercare di vedere come uscirne.

  3. ora vengo a vedere…
    @Flower, non hai tutti i torti, però l’interno non è male, dai…

  4. lo scandalo non è il brutto in assoluto, che non è poi così soggettivo, altrimenti dovrebbe essere soggettivo anche il bello del duomo di Orvieto; ma il servilismo inspiegabile dell’alto committente.

  5. une biographie d’enzo cucchi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: