Esce oggi “Lourdes” film “bipartisan” sulle celebri apparizioni

Esce oggi nelle sale cinematografiche (data scelta non a caso, visto che la Chiesa fa memoria liturgica della Madonna di Lourdes) il film Lourdes (qui il trailer) della regista austriaca Jessica Hausner. Pellicola che merita segnalare perché ha avuto un destino alquanto singolare: ha conseguito infatti sia il premio Brian assegnato dagli atei della UAAR (la motivazione parla tra l’altro di “approccio razionalista al tema del miracolo”) sia il premio La Navicella assegnato dal cattolico Ente dello Spettacolo (e in questo caso la motivazione parla di “un piccolo grande film sul tema del miracolo, che con toni cronachistici e privi di enfasi si interroga su destino e salvazione, mettendo in campo due prospettive religiose antitetiche: la speranza di chi ne e’ agito interiormente e la routine di chi la pratica ‘per professione'”.

La regista non è credente (“Di mio, sarei protestante –afferma infatti- e credo che Dio non esista. Volevo soltanto raccontare una storia, per riflettere sull’idea di miracolo. E siccome Lourdes, in questo senso, è il massimo, m’è venuta l’idea di girare lì) ma evidentemente ha saputo tenere bene in equilibrio i vari piani della vicenda. La storia raccontata è quella di una ragazza sulla sedia a rotelle che decide di compiere il viaggio della speranza. Un bel giorno il miracolo sembra arrivare e Christine (questo il suo nome) scopre di poter camminare sulle sue gambe. Nel finale del film starà di nuovo male ma scoprirà anche l’amore nei panni di un poliziotto in servizio in uno dei tanti alberghi che affollano la cittadina francese.

Morali, la regista non ne trae: «La malattia –afferma- è una metafora che racconto come un handicap dell’anima. Nella vita, questo è il messaggio, non si può avere tutto quello che si vuole. E riesco persino ad abbracciare la crudeltà, espressa dai pellegrini, che non si vedono esaudire le loro preghiere». Non sarebbe il primo caso di regista non credente che riesce a ben sintonizzarsi sulle tematiche religiose, basti pensare al bellissimo Vangelo secondo Matteo di Pasolini. Al quale occorse però un destino molto diverso da quello del film della Hausner: ebbe infatti ottime accoglienze dal mondo cattolico ma fu stroncato dalla sinistra. Molta acqua sotto i ponti è evidentemente passata da allora.

Annunci

5 Risposte

  1. Bel post, Don!

  2. troppo buona 🙂

  3. Ormai, se ho tempo, questo blog è diventato un appuntamento quotidiano!
    Grazie Don Mo!

  4. grazie Niki, anch’io passo, tra l’altro noto che sei una gattara e con ciò acquisti innumerevoli punti ai miei occhi 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: