Messa & spesa: domani inaugurata una parrocchia all’interno di un centro commerciale a Catanzaro

“Lasciate che i carrelli vengano a me”: qualcuno potrebbe ironizzare così sull’iniziativa che domani sarà concretizzata a Catanzaro, ma da scherzare c’è poco, perchè la cosa potrebbe in effetti avere un seguito ed essere casomai semplicemente un apripista nei confronti di analoghe iniziative. Le Messe celebrate nei centri commerciali non sono certo una novità: di un’iniziativa sviluppatasi in Colombia parlammo qui, ma anche in Italia ci sono state esperienze analoghe, pur se limitate nel tempo.

Ciò che distingue l’iniziativa calabrese è semmai il fatto che non di semplice Messa si tratta, ma del fatto che una vera e propria parrocchia verrà inaugurata domani all’interno di un centro commerciale. Come informano le cronache, sembra trattarsi del primo caso del genere, almeno nel nostro Paese e l’iniziativa è partita dai proprietari dell’attività commerciale, che hanno offerto alla diocesi non solo la possibilità di edificare la chiesa, ma anche l’abitazione del parroco.

”I centri commerciali sono diventati punti di aggregazione sociale: anche la domenica numerose famiglie scelgono di passarvi molte ore portando con se’ i bambini e trattenendosi negli accoglienti punti di ritrovo. Un complesso parrocchiale, collocato nell’area di un parco commerciale, può’ offrire i suoi servizi pastorali a tutti i lavoratori delle varie attività’ commerciali, ai visitatori e soprattutto agli abitanti della zona. E’ un segno, questo, della sollecitudine per le anime che e’ il compito essenziale della Chiesa. E’ questo il motivo per cui la diocesi ha accolto la generosa proposta della Società’ proprietaria del Parco Commerciale ”Le Fontane” di costruire una chiesa da destinare alla parrocchia”, ha dichiarato l’Arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, Mons. Antonio Ciliberti.

Gli outlet, realtà in costante ascesa nel nostro Paese, non resteranno a guardare e rilanceranno, c’è da scommetterci.

Annunci

3 Risposte

  1. La società ci impone di ripensare un po’ tutto il modus operandi, hai visto mai che questa non sia una cosa fatta bene?

  2. non so, di primo acchito la cosa mi desta qualche perplessità, ma credo che vada sperimentata sul campo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: