Il Papa: via libera ai cyber-preti nella nuova era digitale

Con un giorno di anticipo, è stato diffuso il messaggio papale per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, in programma per il prossimo mese di maggio. “Il sacerdote e la pastorale nel mondo digitale: i nuovi media al servizio della Parola”: questo il titolo e il tema del messaggio che si contraddistingue per un’apertura di credito nei confronto dei nuovi media che era forse finora mancata.

“Con la loro diffusione – scrive Benedetto XVI – la responsabilità dell’annuncio non solo aumenta, ma si fa più impellente e reclama un impegno più motivato ed efficace. Al riguardo, il Sacerdote viene a trovarsi come all’inizio di una ’storia nuova’, perché, quanto più le moderne tecnologie creeranno relazioni sempre più intense e il mondo digitale amplierà i suoi confini, tanto più egli sarà chiamato a occuparsene pastoralmente, moltiplicando il proprio impegno, per porre i media al servizio della Parola”. Tra i nuovi media il Papa cita in particolare video, animazioni, blog e siti Web, attraverso i quali “il sacerdote potrà far conoscere la vita della Chiesa e aiutare gli uomini di oggi a scoprire il volto di Cristo, coniugando l’uso opportuno e competente di tali strumenti, acquisito anche nel periodo di formazione, con una solida preparazione teologica e una spiccata spiritualità sacerdotale”.  Interessante anche il passo in cui si parla dei cosiddetti “lontani”: “Una pastorale nel mondo digitale è chiamata a tener conto anche di quanti non credono -scrive infatti Benedetto XVI- sono sfiduciati e hanno nel cuore desideri di assoluto e di verità non caduche, dal momento che i nuovi mezzi consentono di entrare in contatto con credenti di ogni religione, con non credenti e persone di ogni cultura”.

Insomma, per una volta tanto il Web viene promosso “senza se e senza ma”, anche se per arrivarci ci è voluto del tempo.

Annunci

Famiglia Cristiana e il più “simpatico” del Vangelo

Tra le tante iniziative volte ad una sempre maggior diffusione della Bibbia (di cui pure abbiamo parlato) questa è senz’altro la più originale. Stiamo parlando de <<Il più “simpatico” del Vangelo>>, lanciata da Famiglia Cristiana in occasione in occasione dell’uscita del primo volume dedicato al Nuovo Testamento de “La Nuova Bibbia per la Famiglia”.

La scelta può essere effettuata tra più di trenta figure storiche e altre, non personaggi storici come gli apostoli, ma protagonisti di parabole e racconti dei Vangeli. Da Zaccheo, al buon ladrone, dal figlio prodigo alla Samaritana escludendo, però, Maria e Gesù. Per cinque settimane sarà possibile votare per posta, per fax al numero 02 – 48 07 27 78, accedendo al sito Famigliacristiana.it o attraverso la pagina di Famiglia Cristiana pubblicata su Facebook, nonché (e questa è un’autentica novità) attraverso un’apposita applicazione messa a disposizione attraverso il celebre social network. L’espressione della preferenza può essere accompagnata da un commento che motivi la vicinanza del personaggio all’esperienza umana e spirituale del lettore e tutte le segnalazioni saranno poi raccolte e le più belle e interessanti saranno pubblicate settimanale.

E il più simpatico del Vangelo chi è? Ce ne sono diversi di personaggi capaci di strappare un sorriso e una riflessione, ma forse il migliore è Zaccheo, un vero e proprio Brunetta nel Nuovo Testamento.